Terapia del calazio

16 Ago 2017
0 Comment
Terapia del calazio

Si tratta di un’infiammazione “granulomatosa”. Il granuloma è un’infiammazione cronica che ha l’aspetto di un piccolo nodulo costituito da cellule immunitarie che hanno lo scopo di circoscrivere un corpo estraneo o un batterio e in questo caso una ghiandola di Meibomio. Il calazio è infatti quasi sempre conseguente all’infiammazione della ghiandola stessa con occlusione del suo dotto escretore e successiva cronicizzazione. Le dimensioni variano da quelle di una capocchia di spillo a quelle di un pisello. I calazi hanno facilmente la tendenza a ripresentarsi o a guarire non completamente, soprattutto quelli di dimensioni maggiori. Omeopatia • Pulsatilla 5 CH. • Sfapbysagria 5 CH. • Silicea SCH. • TbuyaSCH. Tre granuli di.

Terapia della blefarite

05 Lug 2017
0 Comment
Terapia della blefarite

E l’infiammazione del margine delle palpebre. Fitoterapia • Infuso di camomilla per uso locale (impacchi tiepidi). Omeopatia • Pulsatilla 5 CH. • Graphites 5 CH. • Sfapbysagria 5 CI I. Tre granuli per 3 volte al giorno di uno o più dei precedenti rimedi. Omotossicologia • Sfapbysagria Heeh 1 compressa per 3 volte al giorno, sublinguale. • Arnica compositum Heel fiale (non contengono alcool): è possibile fare piccoli chi con una garza sterile o cotone idrofilo imbevuto. • Cineraria maritima, collirio: 2 gocce per 3 volte al giorno.

Terapia della congiuntivite

07 Apr 2017
0 Comment
Terapia della congiuntivite

li congiuntivite è l’infiammazione della congiuntiva, cioè della sottile membrana che riveste il globo oculare esternamente. E caratterizzata da sensazione di bruciore o di corpo estraneo nell’occhio, arrossamento, lacrimazione e fotofobia (avversione per la luce). Le cause possono essere agenti fisici come per esempio i raggi ultravioletti (nel caio di saldatori o sciatori per il riflesse» della neve), chimici (agenti irritanti), cause infettive (batteri e virus), allergiche, traumatiche o emorragie congiuntivali nelle quali si ha successiva sovrapposizione di germi. Nei riguardi degli agenti infettivi la congiuntiva ha già la sua naturale protezione rappresentata dalle lacrime che contengono il lisozima (sostanza prodotta dal nostro organismo dotata di azione antibatterica). Tuttavia i nostri interventi possono annuii que migliorare il fastìdio.

Terapia del Glaucoma

24 Feb 2017
0 Comment
Terapia del Glaucoma

Il glaucoma è una malattia caratterizzata da un aumento della pressione del liquido chiamato umore acqueo che si trova nella camera anteriore dell’occhio davanti al cristallino. Questo aumento di pressione, se perdura nel tempo, e anche se non eccessivo, finisce per trasmettersi posteriormente al corpo vitreo (perché liquidi e gel sono incomprimibili per definizione fisica) causando compressione e conseguente sofferenza delle fibre del nervo ottico nel suo punto di partenza dalla retina. E una malattia che deve essere diagnosticata precocemente, e questo è possibile grazie alla tonometria, che si fa con il tonometro, piccolo strumento per misurare il tono oculare, che l’oculista appoggia sulla cornea, ricavandone una informazione immediata. Agopuntura.

Terapia della Cataratta

01 Nov 2016
0 Comment
Terapia della Cataratta

La cataratta è lbpacamento della lente dell’occhio o cristallino, la quale si comporta come un vetro appannato. Può essere variamente classificata in base alla sede anatomica all’estensione (parziale o totale), al decorso (stazionaria e progressiva) e alle cause congenite e acquisite). Fra le cause acquisite sono molto comuni quella senile,diabetica, glaucomatosa e traumatica. Omeopatia Trattamento con rimedi omeopatici singoli: 3 granuli 1 volta al giorno di uno o più dei seguenti rimedi, secondo indicazione medica: • Naphtalinum D 6 o 4 CH: ha la proprietà di accumularsi nel cristallino per speciale affinità; meglio per le cause traumatiche. • yJatrum muriatkum 30 CI I: si dice che i depositi di sale inducono opacità del.

Effetti “collaterali”

11 Ott 2016
0 Comment
Effetti “collaterali”

Fin dagli inizi, quello che mi ha sempre affascinato dell’agopuntura è che ci sono spesso dei gradevolissimi “effetti collaterali”. Così, può succedere che una persona che si sta curando per una artrosi cervicale dica dopo una seduta: «Dottore, ma quello chesto facendo funziona anche per la vista? Non sarà mica stata l’agopuntura? Perché sa, questa settimana ho letto meglio e quasi potevo fare a meno degli occhiali!». Ma è possibile? E se sì, perché? Non credo alle magie, soprattutto in medicina, ma penso che la complessità del corpo umano, di quello che vediamo, ma specialmente di quello che non vediamo, vada ben oltre ogni meraviglia immaginabile. In particolare, riguardo alla domanda posta poco sopra da.

Terapia dell’orzaiolo

24 Ago 2014
0 Comment
Terapia dell’orzaiolo

Medicina popolare E l’infiammazione acuta delle ghiandole di Zeis (orzaiolo esterno) o di Meibomio (orzaiolo interno) più spesso dovuto a stafilococchi. Ricordo il caso di una ragazza di 18 anni, venuta a farsi visitare per un orzaiolo fastidiosissimo e molto antiestetico. Le prescrissi dell’arnoxicillina (un antibiotico). Dopo pochi giorni la rividi, perfettamente guarita, e le dissi: «Brava, vedo che la cuti ha fatto bene!». E lei rispose: «Dottore, non si arrabbia vero se le dico che non ho fatto la cura che mi ha dato lei…?». Subito incuriosito le chiesi: «E allora cosa hai fatto?». «Semplicemente ho preso un fiasco di olio di oliva e ho tenuto appoggiato l’occhio sul.

Time executed 0 seconds