Ago 8, 2016

0
Terapia delle cefalee post-traumatiche

Terapia delle cefalee post-traumatiche

Queste cefalee sono quasi sempre di origine cervicale (“colpo di frusta”) o dopo fratture craniche (dovute a inclusione nel callo osseo di fibre sensitive che poi vengono stimolate abnormemente). In questi casi la terapia migliore è quella locale agopunturale e/o infiltrativa, naturalmente praticata da competente “mano medica”.
Se la cefalea è approcciata secondo quest’ottica globale mirante soprattutto ad agire anche sulle cause oltre che sul sintomo, i risultati generalmente non mancano e possono consistere in una scomparsa totale delle crisi, in una riduzione della loro frequenza e della loro intensità e in una riduzione o non necessità di terapie farmacologiche.

• A volte, sparita la cefalea può rimanere la cosiddetta “aura”, cioè quella sintomatologia difficilmente definibile che spesso precede il mal di testa sebbene poi il mal di testa vero e proprio, che il paziente e abituato ad aspettarsi, in realtà non arrivi. Non posso fare a meno di ricordare che se il sottoscritto si è dedicato allo studio e alla
pratica delle medicine complementari partendo proprio dall’agopuntura, e se ora sta scrivendo questo libro, è proprio per l’esperienza del suo caso personale felicemente risolto.

Seguire e come noi:
follow subscribe - Terapia delle cefalee post-traumatiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *