Terapia dell’insuficienza cardiaca

17 Set 2017
0 Comment
Terapia dell’insuficienza cardiaca

L’insufficienza cardiaca, detta anche scompenso cardiaco, consiste nell’incapacità o del ventricolo sinistro o del ventricolo destro, o di entrambi, di spingere, nei vasi a valle (aorta nel primo caso e arterie polmonari nel secondo) altrettanto sangue di quanto ne arriva dagli atri. Quando ciò si verifica, ed è una situazione patologica, ne consegue un accumulo di sangue (o stasi o ingorgo) nel distretto a monte. Nel primo caso si parla di scompenso o insufficienza ventricolare sinistra (stasi di sangue nel polmone) nel secondo si parla di scompenso o insufficienza ventricolare destra (stasi di sangue nei visceri e negli arti, soprattutto quelli inferiori). Il risultato in tutti i casi e un.

Terapia delle emorroidi

11 Set 2017
0 Comment
Terapia delle emorroidi

Le emorroidi sono trattate in questo capitolo perché si tratta di varici (cioè sfìancamenti della parete della vena) del plesso venoso emorroidario che si trova a livello della parte terminale del tubo digerente. Cause Le emorroidi possono essere dovute a: a. Una costituzionale debolezza del connettivo della parete (su base genetica); b. Aumenti della pressione venosa legati a problematiche del fegato (per esempio sono uno dei sintomi dell’ipertensione nel distretto della vena porta, di cui queste vene sono tributarie); in pratica il sangue venoso proveniente dall’intestino venendo a trovare una difficoltà di passaggio a causa di un problema/ostacolo dentro il fegato, raggiunge la vena cava seguendo un percorso alternativo rappresentato.

Terapia delle ragadi anali

20 Ago 2017
0 Comment
Terapia delle ragadi anali

Le ragadi sono spaccature della pelle che arrivano a interessare il derma, cioè il suo tessuto connettivo dove sono situati i vasi e le terminazioni nervose, motivo per cui sono dolorosissime. La loro presenza spesso si associa a quella di emorroidi, la cui terapia è comune. Fitoterapia e Gemmoterapia • Capilen F: fluido e pomata. Omeopatia • Nitricum acidum 7 CH: 3 granuli al dì. • Paeonia 7 CH: 3 granuli al dì. • Rathania 7 CH: 3 granuli al dì. • Sedum acre 7 CH: 3 granuli al dì. Insieme o a rotazione per 2-3 volte al giorno. Inoltre: • Luesinum 30 CH: 10 granuli sublinguali 1 volta al.

La circolazione

27 Lug 2017
0 Comment
La circolazione

La cardiologia è il ramo della medicina che si occupa dello studio del cuore e dei vasi sanguigni. Il cuore è un organo muscolare situato nel torace fra i due polmoni, grande all’inarca quanto il pugno chiuso della mano di chi lo possiede; esso svolge il ruolo di pompa idraulica (vedi Fig. 110). È costituito da due sezioni, destra e sinistra, fra loro separate. La parte sinistra, attraverso il ventricolo sinistro, pompa il sangue ricco di ossigeno, che riceve dai polmoni, nell’arteria aorta, che poi lo distribuisce alle arterie di tutti gli organi e al cervello; dopo avere irrorato gli organi, il sangue, che si è caricato di anidride carbonica.

Terapia dell’ipotensione

11 Lug 2017
0 Comment
Terapia dell’ipotensione

L’ipotensione è esattamente il contrario della pressione alta. Spesso si tratta di forme costituzionali in giovani donne e si accompagna a senso di debolezza, stanchezza, sonnolenza. Nei casi più gravi si può arrivare a vere proprie sincopi o svenimenti. Per sincope si intende una perdita di coscienza associata alla impossibilità di mantenere la posizione eretta. Particolarmente frequente soprattutto nei mesi estivi in cui la perdita di liquidi e sali dovuta al sudore è particolarmente marcata è la cosiddetta “ipotensione ortostatica”, cioè un brusco e transitorio abbassamento della pressione arteriosa dovuto a lentezza o insufficienza dei meccanismi di aggiustamento pressorio, che normalmente si verificano quando passiamo dalla posizione sdraiata o seduta.

Terapia dell’ipertensione arteriosa

09 Lug 2017
0 Comment
Terapia dell’ipertensione arteriosa

Si definisce con questo termine una condizione caratterizzata da valori elevati di pressione arteriosa quali si possono riscontrare in seguito a ripetute misurazioni effettuate possibilmente in condizioni basali, cioè di tranquillità, rilassamento, non dopo uno sforzo fisico o una violenta emozione, ne dopo i pasti. La pressione arteriosa è la forza che il sangue circolante esercita contro le pareti delle arterie. Si distingue in massima o sistolica, cioè la massima pressione raggiunta quando il ventricolo sinistro spinge il sangue nell’aorta, e in minima o diastolica che è la minima pressione raggiunta nella diastole, cioè nella fase in cui il ventricolo sinistro sta ricevendo il sangue dall’atrio sinistro e non sta.

Terapia dell’insuficienza venosa degli arti inferiori e varici

07 Lug 2017
0 Comment
Terapia dell’insuficienza venosa degli arti inferiori e varici

Le varici sono sfìancamenti della parete venosa alla cui formazione concorrono due ordini di fattoria) fattori legati alla parete che tende a sfiancarsi per debolezza spesso su base costituzionale/genetica; b) fattori di aumento della pressione del sangue all’interno delle vene che a lungo andare provoca indebolimento e cedimento della parete venosa stessa e dei vasi capillari; la sintomatologia è caratterizzata da gonfiore, senso di pesantezza-rottura dei capillari che si fragilizzano per l’aumento della pressione dovuta al peso della colonna di sangue venoso che sta sopra di loro; nei casi più gravi formazione di ulcere sulla pelle, oltre al fatto che la stasi, o rallentamento del flusso del sangue, favorisce la.

Terapia dell’anemia

29 Giu 2017
0 Comment
Terapia dell’anemia

L’anemia e una condizione caratterizzata da diminuzione della quantità totale di emoglobina circolante (valori normali 12-16 g/decilitro), spesso associata a diminuzione anche del numero dei globuli rossi. Dico “spesso” perché nella talassemia, o anemia mediterranea, invece, il numero dei globuli rossi, che però sono più piccoli, può essere normale o aumentato. L’emoglobina è una proteina complessa che contiene anche ferro ed è contenuta a sua volta all’interno dei globuli rossi. Serve a legare l’ossige- no con un legame abbastanza debole e reversibile per trasportarlo col sangue in tutti gli organi e tessuti ai quali deve essere ceduto con facilità. I globuli sono prodotti dal midollo osseo che si trova nella.

Terapia delle piastrinopeni

04 Feb 2016
0 Comment
Terapia delle piastrinopeni

La piastrinopenia è la diminuzione del numero totale delle piastrine o trombociti che sono le cellule della serie rossa circolante e che servono per tamponare velocemente eventuali rotture dei vasi sanguigni. Sono prodotte dal midollo osseo e distrutte dalla milza. Il numero totale varia normalmente fra 150 e 400 mila per millimetro cubo. Questa carenza può essere causata da: • Malattie virali; • Abuso di farmaci antinfiammatori; • Origine autoimmune; • Fattori inibenti i megacariociti (le cellule progenitrici delle piastrine che si trovano nel midollo osseo) come nelle • Epatiti. Gemmoterapia • Tamaris gallica D 1: 30 gocce per 2 volte al dì. Nelle forme successive a una malattia virale.

Terapia delle piastrinosi

18 Mag 2015
0 Comment
Terapia delle piastrinosi

La piastrinosi è l’aumento patologico delle piastrine. I valori delle piastrine in questi casi possono raggiungere anche le 700-800 mila unità per millimetro cubo, valore limite per l’intervento terapeutico da parte della medicina convenzionale. Si tratta di forme spesso dovute a un’infiammazione, in cui la medicina convenzionale utilizza farmaci per bloccare la produzione delle piastrine da parte del midollo osseo. Omotossicologia • lnterleuchina-10 4 CH: 10 gocce al dì, per periodi anche lunghi; azione antinfiammatoria, da non intendersi però come terapia alternativa alla medicina convenzionale, ma solo come una eventuale integrazione complementare. Psicosomatica La piastrinosi è un aumento del numero delle piastrine. Significa che si ha una grande paura di.

Time executed 0 seconds