Ago 6, 2016

0
Psicosomatica di muscoli, tendini e ossa

Psicosomatica di muscoli, tendini e ossa

I muscoli striati c lisci appartengono alla struttura mesodermica del midollo cerebrale. Quindi tutta la dinamica muscolare, relativa sia ai muscoli striati, ma anche a quelli lisci, è sempre legata a un problema di autosvalutazione dove:
• Il muscolo è l’aspetto più superficiale;
• Il tendine è l’aspetto più profondo;
• E l’osso quello ancora più profondo.
Chiaramente la stessa cosa avviene nel cuore e nelle strutture cave tipo stomaco e intestino in relazione alla loro componente anche muscolare, in quanto questi organi cavi presentano una variabile quota di muscolatura liscia. Quindi condividono la somatizzazionc di questa problematica conflittuale di auto- svalutazione/rifiuto di se stessi:
• I muscoli striati volontari che permettono il movimento dello scheletro;
• Il muscolo cardiaco, muscolo striato involontario;
• 1 muscoli lìsci, involontari, che si trovano nelle pareti interne delle strutture cave tipo stomaco, intestino, organi addominali e vasi sanguigni. Per quanto riguarda i muscoli striati scheletrici volontari il processo è una svalutazione legata al movimento del tipo «non mi sento all’altezza di poter camminare, deambulare, procedere, evolvere.
Ne conseguono atrofie/ipertrofie muscolari in base a quello che noi vivremo. Mentre per quanto riguarda i muscoli lisci dell’apparato digerente il conflitto è diverso: qui abbiamo l’impossibilità di tare avanzare il “boccone” con varie gradazioni in relazione all’intensità del rifiuto che contraddistingueremo con segni + da 1 a 4.
• Rifiuto +: diarrea per aumento compensarono della peristalsi;
• Rifiuto ++: leggero blocco;
• Rifiuto +++: leggera stipsi;
• Rifiuto ++++: stipsi ostinata.

L’osso è la nostra impalcatura, quella che sostiene e protegge gli organi del corpo e che permette i movimenti. È un tessuto dinamico che si rinnova in continuazione decomponendosi e rigenerandosi. Se il conflitto di autosvalutazione si manifesta nelle ossa è più specifico e più intenso, potendo arrivare, se dura a lungo, fino alla decalcificazione e allostcolisi.

Seguire e come noi:
follow subscribe - Psicosomatica di muscoli, tendini e ossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *