Dic 7, 2017

0
Terapia dell’acne volgare

Terapia dell’acne volgare

Posted in : Malattie Della Pelle on by : admin
  • ,
  • ,
  • ,
  • ,
  • L’acne è una malattia della pelle caratterizzata da infiammazione delle ghiandole sebacee. Si manifesta con clementi tipo papille (piccoli rilievi arrossati), pustole (piccole vescicole piene di pus), comedoni (i cosiddetti punti”neri”, che si formano per ostruzione dello sbocco delle ghiandole sebacee con conscguente ritenzione di sebo che poi diventa scuro per ossidazione degli acidi grassi), noduli, cicatrici.
    Tra le cause acquista particolare importanza una situazione di iperandrogeni$moy cioè eccesso di ormoni maschili (che ritroviamo per esempio anche nell’ovaio policistico) la quale causa l’aumentata produzione di sebo e l’aumento della produzione di cellule cornee e successiva colonizzazione batterica (streptococchi e stafilococchi) e quindi infezione.
    La medicina convenzionale tratta questa situazione con antibiotici per spegnere l’infezione e con la pillola anticoncezionale (nella donna) per riequilibrare il quadro ormonale sbilanciato.

    Fitoterapia
    Creme topiche
    • Natur 2: contiene Ovarium ed cstradiolo.
    • Natur 4: contiene principi nutritivi e rivitalizzanti.
    • Amica pomata: principi antinfiammatori che riducono la eccessiva reattività del sistema immunitario.
    • Calendula pomata: azione antibiotica e favorente la riparazione.

    Omeopatia
    Considerare la costituzione: spesso si tratta di soggetti ortosimpaticotonici e quindi nervosi, emotivi, molto sensibili, timidi, predisposti all’introversione, dal punto di vista costituzionale definiti fosfo-jluoriciy per i quali sono indicati rimedi come Silicea, Natrum muriaticum. CalcareaJluorica che in questi casi possono essere assunti alla 30 CH 10 granuli di quello più indicato una volta alla settimana.
    Considerare la predisposizione miasmatica: il miasma (o diatesi) secondo Hahnemann esprime il modo di reagire di un individuo; in questi casi spesso c’è una esaltata reattività del sistema immunitario che amplifica gli effetti delle manifestazioni infiammatorie. Questa reattività è tipica della cosiddetta diatesi “tubercolinica” da cui l’utilizzo di
    Tubercolinum alla 30 CH, 10 granuli una volta alla settimana.

    Nosodoterapia
    • Stapbytococcinum Injeelo 200 CI I: 10 granuli una volta al mese.
    I nosodi sono preparati che contengono l’agente causale della malattia o materiale che deriva dal tessuto ammalato, opportunamente diluito e dinamizzato secondo la metodica omeopatica e privato di effetto patogeno (sia perché subisce un procedimento di sterilizazione, sia perché estremamente diluito). Servono per aumentare una reattività immunologica sopita, per cui non si devono assumere nella fase acuta di una malattia.

    Organoterapia
    • Ovarium: 1 fiala bevibile sublinguale una volta alla settimana, per equilibrare l’iperandrogenismo, nella donna.
    • Cutis Suis: 1 fiala alla settimana.
    • Serotonina D 6: 10 gocce per 2 volte al giorno, per placare l’ansia e modulare il craving notturno per i carboidrati.
    Questi preparati possono essere assunti tutti e tre, secondo una strategia di intervento PNEI (psiconcuroendocrinoimmunologico).

    Floriterapia
    Lelcmcnto emozionale nell’acne è molto rilevante e da ciò si ricava l’opportunità della
    floriterapia, sistema terapeutico che il dottor Edward Bach ha costruito per riequilibrare gli stati emozionali discquilibrati che, soprattutto se particolarmente strutturati e persistenti, possono favorire l’insorgenza di vere e proprie patologie psicosomatiche.

    Fiori di Bach
    • Larch: senso di inferiorità assoluta.
    • Gentian: insicurezza.
    • Crabe appiè, azione disintossicante, vergogna dei difetti fisici che possono essere sovrastimati dal soggetto.
    • Mimulus: paura, per esempio di uscire, timidezza.
    • Willow: il risentimento verso se stessi o verso altri.
    • Holly: la rabbia, verso se stessi/verso gli altri.

    Tali essenze floreali possono essere variamente associate a seconda della tipologia emozionale e, come già accennato in altre sezioni del testo, si preparano così: in una boccetta da 30 mi con contagocce si versano 4 gocce se si usa un solo fiore, oppure 3 gocce dell’essenza originale se si utilizzano due o più fiori; in ogni caso si aggiungono 40 gocce di cognac o brandy oppure di aceto di mele, e si finisce di riempire con acqua minerale naturale. Della preparazione così ottenuta se ne versano direttamente in bocca 4 gocce per 4 volte al giorno, lontano dai pasti. Il trattamento viene protratto per circa due mesi.

    Fiori australiani
    • Green Esserne: miscela di erbe aromatiche, per aumentare le difese contro gli agenti aggressivi.
    Per favorire l’eliminazione di eccessiva fermentazione, muffe e parassiti: per due settimane 5 gocce cinque minuti prima dei pasti 3 volte al giorno. Per problemi cutanei quali eczemi, psoriasi, infezioni fungine: 7 gocce in una ciotola d’acqua con cui bagnare localmente la parte mattina e sera; ogni due giorni rinnovare l’acqua. I trattamenti, interno ed esterno, non devono essere associati e vanno usati in tempi diversi.
    • Spinifex: per risanare le lesioni e favorire la presa di coscienza dell’elemento emozionale.
    Problemi della pelle come acne, bruciori, punture, psoriasi, candidosi cutaneo-mucose, herpes, infezioni da clamidie. Uso locale: 7 gocce in un bicchiere di acqua e applicare una garza imbevuta sulla zona mattina e sera per via interna. A differenza di Green Esseme si può fare contemporaneamente trattamento esterno e interno. Secondo l’interpretazione psicosomatica le problematiche della pelle e delle strutture di derivazione ectodcrmica rappresentano la somatizzazione di conflitti legati alla paura dell’abbandono, alla mancanza di “contatto” e carezze. Quanti casi dì herpes, orale o genitale, si associano a sensi di colpa o vergogna verso il sesso, oppure a rapporti sessuali vissuti in maniera “traumatica”!
    • Billy goat plum: autoaccettazionc corporea.
    • Five eorners: autosabotaggi; vuole e non vuole essere curato perché vuole e non vuole guarire da un aspetto “sgradevole”. Perché può non volere (inconsciamente) guarire? Perché ciò può servire per allontanare l’altro sesso, di cui può avere timore, oppure l’opposto, per attirare attenzione.
    Queste essenze si preparano come i fiori di Bach con la differenza che dalla boccetta originale si prendono 7 gocce invece di 4 o 3, e comunque se ne mettono sempre 7 anche se si usa più di una essenza.
    Se ne assumono 7 gocce direttamente in bocca la mattina al risveglio e la sera prima di coricarsi.
    I fiori di Bach agiscono soprattutto come equilibranti di stati emotivi alterati, quelli australiani sembrano più simili ai classici rimedi omeopatici che agiscono su situazioni più direttamente fisiche e senza l’indicazione alla somministrazione per perìodi lunghi; mentre i fiori di Bach vengono proposti per cicli di almeno due mesi.
    Non esiste una regola precisa ed e possibile utilizzarli anche insieme, ma ognuno col suo metodo di preparazione.
    • Crema fiori di Bach in pomata: da scegliere fra quelli menzionati o altri correlati all’emozione dominante.

    Probiotici e altri suggerimenti
    a. Alcalinizzare: trattandosi di una infiammazione cronica, con uno dei vari alcalinizzanti (Basen Pu/ver, Alkimo, Guna Basic, Regobasic ecc.).
    b. Agire sull’intestino: ce un rapporto sia energetico secondo la MTC e sia funzionale secondo la fisiopatologia occidentale che considera l’intestino come un secondo cervello (non dimentichiamo che la serotonina viene prodotta e secreta anche a livello intestinale); inoltre esso è anche un importante organo immunitario: vi si trovano le cosiddette placche di Peyer, equivalenti delle linfoghiandole, importanti stazioni di parcheggio dei linfociti, da cui il razionale utilizzo di probiotici che hanno un’azione modulante le popolazioni di cellule del sistema immunitario.

    Dieta
    Allontanare gli alimenti istamino liberatori che favoriscono l’infiammazione: pomodori, latte, cioccolata (un “quadretto” ogni tanto per non essere troppo “punitivi”), evitare i cibi lievitati.

    Estetica eubiotica
    Lo scopo del trattamento è detergere e depurare le pelli tendenti a irritazione, prurito, formazione di brufoli e migliorarne le condizioni generali.

    In istituto
    Dopo la pulizia con latte idoneo scelto dall’estetista a seconda del caso, si applica olio idrofilo (olio alle erbe in grado di legarsi anche all’acqua) dopo di che si distribuisce la Lozione depurante e si espone al vaporizzatore.
    Con l’aiuto del Sinergoilfluidificante (miscela di oli essenziali) diluito in acqua, si ammorbidiscono i comedoni e si procede alla loro eliminazione.
    Dopo aver risciacquato con cura, sulle zone interessate si stende una garza imbevuta di Lozione depurante da lasciare in posa 5 minuti. Terminata la posa, si risciacqua nuovamente e, sempre sulle stesse zone, si pratica un massaggio idoneo con la Crema equilibrante. Se necessario si stende anche un velo di Cremplus ortodermica. Si conclude il trattamento con una maschera veicolante corretta con i Sinergoil del caso: depurante, rilassante, risolvente ecc.
    Rimossa la maschera si stende un velo di Siero depuranti: e Cremplus ortodermica. Sì eseguirà il trattamento di ristrutturazione della barriera di permeabilità (base di ogni trattamento eubiotico), solo quando la produzione di brufoli apparirà notevolmente ridotta e dopo una prolungata serie di fanghi depuranti e disintossicanti con il Talaterm Fangogel equilibrante.

    Seguire e come noi:
    follow subscribe - Terapia dell'acne volgare

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *