Ott 11, 2018

0
Terapia delle piastrinopeni

Terapia delle piastrinopeni

La piastrinopenia è la diminuzione del numero totale delle piastrine o trombociti che sono le cellule della serie rossa circolante e che servono per tamponare velocemente eventuali rotture dei vasi sanguigni. Sono prodotte dal midollo osseo e distrutte dalla milza. Il numero totale varia normalmente fra 150 e 400 mila per millimetro cubo.

Questa carenza può essere causata da:
• Malattie virali;
• Abuso di farmaci antinfiammatori;
• Origine autoimmune;
• Fattori inibenti i megacariociti (le cellule progenitrici delle piastrine che si trovano nel midollo osseo) come nelle
• Epatiti.

Gemmoterapia
• Tamaris gallica D 1: 30 gocce per 2 volte al dì. Nelle forme successive a una malattia virale come influenza o mononuclcosi.

Microimmunoterapia
• lnterleucbina-3 alla 4 CH: 10 gocce al dì, di cui è razionale l’associazione con l’organoterapico
Medulla Ossis Suis Injeef’ forte una volta alla settimana.

In caso di anemia da ridotta attività midollare è interessante la seguente associazione:
• Medulla Ossis Suis Injeelforte. 1 volta alla settimana.
• Acidum succinicum Injeelforte. 1 volta alla settimana.
• Funiculus Umbelicalis Suis Injeelforte. 1 volta alla settimana.

Le diluizioni Injeel “forte” si differenziano dalle Injeel, che hanno tre diluizioni, per la presenza di una diluizione maggiormente concentrata, cioè più ponderale. Per esempio, se la Injeel di un organotcrapico ha I) 10 + D 30 + D 200, la forte ha D 8 + D 12 + D 30 + D 200; se la Injeel dell’Acidum succinicum ha D 10 + D 30 + D 200, la forte ha una D 6 in più.
Nell’ottica delle loie doses questo orienti RubCtO ITBOltlUl nel lenso »ii una maggio re stimolazione.

Psicosomatica
Quando c’è una ferita in atto le piastrine vengono prese dal sangue e mandate dove c’è il problema, quindi quando in esso diminuiscono si parla appunto di piastrinopenia. A livello simbolico ce dunque una ferita psicoemotiva in atto.

Seguire e come noi:
follow subscribe - Terapia delle piastrinopeni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *