Apr 19, 2018

0
Terapia dell’emicrania posteriore o sindrome di arnold

Terapia dell’emicrania posteriore o sindrome di arnold

In questo caso il dolore “parte da dietro e arriva davanti”. Spesso si associa a vertigini, insicurezza nel camminare, riduzione dell’udito, acufeni (cioè rumori, sibili o fruscii non prodotti da una reale sorgente sonora), nausea e vomito. Questa emicrania è dovuta a irritazione o compressione del ramo posteriore del 2° nervo cervicale a causa di:

• Artrosi e conseguente infiammazione locale;
• Blocchi e contratture muscolari.
Oltre ai sintomi (soggettivi) riferiti sopra e caratterizzata dal seguente segno (obiettivo):
• Dolore ma soprattutto dolorabilità alla digitopressione in corrispondenza dell emergenza del nervo grande occipitale o nervo di Arnold dove superfìcializzandosi perfora il muscolo trapezio.

Agopuntura
Qualsiasi manipolazione va effettuata sempre e soltanto da un medico esperto.
Trattare i punti:
VB 20: effetto ortosimpaticolitico cioè riducente l’attività del sistema neurovegetativo ortosimpatico.
V 10: effetto parasimpaticolitico o vagolitico cioè riducente Fattività del nervo vago facente parte del sistema neurovegetativo parasimpatico.
Il sistema nervoso infatti comprende una parte deputata a gestire la vita di relazione con l’ambiente che ci circonda, volontaria e cosciente e un’altra parte rappresentata dal sistema neurovegetativo o simpatico che regola in maniera involontaria e incosciente
la funzione dei visceri. Questa a sua volta si divide in ortosimpatica e parasimpatica, agenti in senso opposto in modo da mantenere in equilibrio la funzione dei visceri. Per esempio, a livello dell’intestino lbrtosimpatico inibisce e il parasimpatico stimola i movimenti del viscere; a livello del cuore al contrario lbrtosimpatico accelera il numero dei battiti, il parasimpatico rallenta. La funzione di un viscere quindi è sempre la risultante della stimolazione bilanciata di questi due settori del sistema neurovegetativo. Molte cefalee si associano a fenomeni concomitanti di aumentata attività funzionale
ortosimpatica e parasimpatica e in questi casi può essere utile stimolare questi punti con tecnica agopunturale o con una delicata digitopressione.

Omeopatia
• Actaea racemosa 5 CH: 3 granuli per 2-3 volte al giorno.
• Gelsemium 5 CH: 3 granuli per 2-3 volte al giorno.

Omotossicologia
• Gelsemium Homaccord*: 10 gocce per 2-3 volte al giorno.

Seguire e come noi:
follow subscribe - Terapia dell'emicrania posteriore o sindrome di arnold

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *