Lug 21, 2017

0
Terapia dell’enuresi notturna

Terapia dell’enuresi notturna

Posted in : Pediatria on by : admin
  • ,
  • ,
  • Il termine deriva dal greco eri (“in”,”addosso”) urein (= urinare) e significa letteralmente farsi la pipì addosso durante il sonno a letto, in maniera involontaria e incosciente.
    È un disturbo dovuto a un insufficiente sviluppo della capacità vescicale, senza apparenti lesioni organiche e allora si parla di enuresi primitiva.
    Anche se può sembrare una banalità, consiglio di non bere prima di andare a dormire e di svuotare la vescica come ultimo atto della giornata. II problema può a volte protrarsi anche nell’età adulta.

    Fitoterapia e Gemmoterapia
    • Cipresso TM: 25 gocce al dì nei bambini; 50-75 gocce per ragazzi e adulti,
    e/o
    • CP/1 Raemil: 15-25 gocce per 2 volte al dì.

    Omeopatia
    Rimedi costituzionali
    • Calcarea carbonica 30 CH: 5 granuli alla settimana. Il bimbo pigro che mangia, beve e dorme e non ama lo sport.
    • Calcarea pbosphorica 30 CH: 5 granuli alla settimana. Il bimbo pieno di interessi, che si applica molto mentalmente.

    Rimedi della diatesi ( il “miasma” di Hahnemann)
    A seconda dei casi:
    • Luesinum: per esempio nel bambino mingherlino, molto nervoso, che riposa con difficoltà, con problemi scolastici specie in matematica e nei calcoli (discalculia),con tendenza a distruzione dei tessuti e ulcere.
    • Tubercolinum’. soggetti caratterizzati da iperreattività immunitaria, spesso affetti da processi infiammatori delle prime vie aeree che tendono a recidivare e da insonnia. Possono essere aggressivi ed esplodere in reazioni di collera.
    • Medorrhinum: soggetti che tendono a trattenere acqua e tossici, e successivamente a produrre forme proliferative; sono bambini che non vogliono mai andare a dormire.
    • Psorinum: soggetti che tendono a eliminare in via centrifuga, bambini che possono aver sofferto di crosta lattea ed eczema atopico.
    La diluizione dei rimedi diatesici deve essere generalmente abbastanza elevata, mediamente 200 CH, con frequenza di assunzione non troppo ravvicinata, mediamente una volta al mese, o anche più. Se posso permettermi di esprimere il mio punto di vista, benché questi prodotti siano distribuiti anche senza l’obbligo di ricetta medica, proprio perché credo nell’omeopatia e non la considero una terapia “dell’acqua fresca”, come diceva il mio caro amico Luigi Bardò, vorrei suggerire ai lettori, almeno per questa tipologia di rimedi e per le alte diluizioni in genere, di evitare lautomedicazione, limitandosi a gestire diluizioni non oltre la 30 CH.

    Omeopatia classica
    a. Simillimurn
    Il simillimurn’. e la sostanza più indicata ed è quella che più assomiglia, sia per i sintomi fisici e mentali, sia come “personalità”, alle caratteristiche del soggetto.
    La scelta di questo “mitico” simillimurn richiede una grande conoscenza dei vari rimedi trattati dalle materie mediche, dei sintomi corrispondenti, e capacità di cogliere i tratti fondamentali della personalità e della psicologia del soggetto.
    Il simillimurn viene utilizzato ad alte diluizioni (200,1000,10.000 CH o K). Secondo una visione squisitamente tossicologica e riduzionista possiamo immaginare che il simillimurn sia quello che l’individuo diventa sia fisicamente, sia per i tratti caratteriali, quando viene esposto a somministrazioni ripetute di una sostanza.
    Secondo una visione più squisitamente epigenetica possiamo immaginare che ognuno nasca con un certo patrimonio genetico più o meno espresso per la presenza di geni attivatori e soppressori: il simillimurn interagirebbe in maniera frequcnziale (cioè per mezzo di frequenze elettromagnetiche in base a un fenomeno fisico di risonanza) attivando o reprimendo quei geni che servono proprio per modulare (favorire o bloccare) l’espressione biologica di altri geni deputati a realizzare materialmente caratteri fisici e di personalità.
    b. Rimedi omeopatici unitari
    I quali possono anche, ma non necessariamente, identificarsi col simillimurn e possono essere utilizzati in maniera più sintomatica anche se non corrispondono alla totalità dei sintomi.

    • Benzoicum acidum 30 CH: 3 granuli tutte le sere prima di coricarsi. Enuresi nei bambini le cui urine hanno colore bruno e un odore molto intenso (paragonato all’odore delle urine di cavallo).
    • Causticum 30 CH: 3 granuli tutte le sere prima di coricarsi o 200 CH 1 volta al mese. Enuresi durante il primo sonno, e comunque da provare in tutte le forme di enuresi.
    • Cbloralium 30 CH: 3 granuli tutte le sere prima di coricarsi. E durante il sonno
    protondo della prima parte della notte.
    • Cina 30 CH: 3 granuli la sera prima di coricarsi; enuresi notturna in bambini che sono o sono stati afTetti da verminosi, nel sonno urlano e parlano, si agitano, digrignano i denti e soffrono di prurito anale e al naso, che stropicciano continuamente.
    • Gelsemium 30 CH: 3 granuli tutte le sere prima di coricarsi. Rimedio omeopatico della paralisi delle muscolature lisce e striate.
    • Kreosotum 30 CH: 3 granuli tutte le sere prima di coricarsi. Enuresi durante il sonno profondo della prima parte della notte.
    • PuhatiUa 200 CH: 1 dose ogni 3-4 settimane. Dei bambini timidi, avidi di coccole, che stanno sempre “appiccicati” alla mamma perché temono di essere abbandonati. Spesso, ma non necessariamente, si tratta di bambine dagli occhi azzurri e carnagione chiara.
    • Silicea 30 CH: 10 granuli una volta alla settimana oppure 200 CH una dose 1 volta al mese. Bambini magri, che crescono lentamente, freddolosi, che frequentemente si ammalano di faringotonsilliti e sofferenti di adenoidi con ingrossamento delle ghiandole linfatiche.
    • Sepia 200 CH: 1 tubo dose una volta al mese. Enuresi spesso nella prima parte della notte in bambini intolleranti al latte e di carattere malinconico, che possono avere avuto episodi di svenimento.

    Omotossicologia
    • R74\ 10 gocce per 3 al volte al dì,
    più
    • Plantago Homaccord: 10 gocce per 3 al volte al dì.

    Organoterapia
    • Vescica 4 o 5 CH: 3 granuli una volta al giorno, oppure
    • Vescica Suis Injeel: 1 fiala sublinguale a giorni alterni.
    N.B. Per la scelta dei rimedi propongo un’associazione di prodotti che contenga: costituzionale; diatesico; omeopatico; omotossicologico. La scelta richiede quindi una buona conoscenza dell’omeopatia anche unicista e costituzionale.

    Seguire e come noi:
    follow subscribe - Terapia dell'enuresi notturna

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *