Dic 1, 2017

0
Terapia dell’impotenza / astenia sessuale

Terapia dell’impotenza / astenia sessuale

Oggi si parla di disturbi della funzione erettile, termine comprensivo di varie situazioni fra cui la difficoltà di conseguire e/o mantenere un’erezione valida, l’eiaculazione precoce, la mancanza o riduzione della libido (desiderio che dà piacere). Alla base di questi problemi possono esserci disturbi di tipo circolatorio a livello dei corpi cavernosi del pene (cisterne che, riempiendosi di sangue all’occorrenza sotto l’influsso di stimoli psichici e meccanici, determinano nel pene la consistenza necessaria per la copulazione, cioè il rapporto sessuale), statisticamente più frequenti nei soggetti diabetici (quindi è bene indagare sempre la glicemia) e vasculopatici cioè persone con patologie che compromettono l’efficienza della circolazione arteriosa, soprattutto forti fumatori e gravi artcriosclerotici. Molto spesso di tratta di problematiche più complesse di natura psicoaffettiva che logicamente richiedono un approccio di tipo psicologico. Fra i più frequenti vi sono il cosiddetto “complesso di Edipo” nel maschio (il quale vede la partner come una madre) oppure l’ansia da prestazione, vivendo il sesso come un dovere, una prova con necessità di dimostrare qualcosa a se stessi o ad altri; in altri casi si tratta di uno sgradevole effetto collaterale di alcuni farmaci per curare l’ipertensione arteriosa, in particolare i cosiddetti betabloccanti. La medicina convenzionale propone una categoria di farmaci i quali agiscono rallentando la degradazione dell’ossido nitrico, molecola fisiologicamente prodotta dal nostro organismo ad azione vasodilatatrice, soprattutto nelle ore notturne. Tali farmaci, che non sono esenti da effetti collaterali di natura cardiocircolatoria (come ipotensione, tachicardia ecc. e quindi sono controindicati in soggetti affetti da patologie cardiovascolari severe) agiscono come mantenitori vascolari dell’erezione, ma non sui blocchi psicologici che ne impediscono il raggiungimento.

Fitoterapia
Contengono ginseng e muira puama, due piante medicinali note per il loro potere energizzante:
• Enervis: 20 gocce per 3 volte al giorno a cicli cui aggiungere:
• Vita Ginseng: 1 capsula per 3 volte al giorno.

Inoltre:

Rivis: 20 gocce per 3 volte al giorno, in caso di eiaculazione precoce. Contiene damiana e rosmarino.

Omeopatia
Si tratta di individuare un farmaco il più possibile simile, nella descrizione dei sintomi da esso provocati nel sano, a quelli del paziente malato in esame.
Questo processo di ricerca di similitudine viene fatto consultando dei trattati di omeopatia denominati “Materie mediche”, scritti in un passato più o meno recente (ce ne sono diversi scritti da vari famosi omeopati) che riportano descrizioni dettagliate dei sintomi presentati da vari pazienti sani (sperimentatori) in seguito ad assunzione di sostanze omeopatiche, anche veleni, a dosi abbastanza basse da non provocare intossicazioni acute letali. Assumono grande importanza i sintomi mentali ed emozionali; pertanto è necessaria una profonda conoscenza dell’omeopatia, della persona c una particolare attitudine dell’operatore ad “afferrare” certe dinamiche psicologiche. Volendo semplificare, fra i rimedi omeopatici singoli, che comunque più spesso riassumono le caratteristiche di
una persona che si trova in questa situazione, ci sono i seguenti, che consigliamo di assumere nella dose di 5 granuli 1 volta al giorno.
• Agnus castus: il sessualmente debole che “dispera” di sentirsi “finito”; spesso vecchio libertino spossato dagli eccessi sessuali soffre di “spermatorrea” (cioè di perdita di liquido seminale al di fuori dei rapporti sessuali) e spesso si lamenta di sensazione di freddo alle ginocchia.
• Lycopodium: è il nobile decaduto, colui che in passato e stato grande, ma ora si trova in una situazione non all’altezza dei suoi trascorsi e teme molto il giudizio e quello che le persone pensano di lui.
• Staphysagria: molto sesso a livello mentale con fantasie erotiche molto spinte e sfrenate, alle quali però spesso non corrisponde altrettanto sesso fisico; soggetto sessualmente represso, che ha un alto senso della sua dignità, un particolare senso dell’orgoglio che facilmente viene ferito, molto permaloso e ipersensibile alle offese. Può essere stato oggetto di abusi.
• Natrum muriaticum: è il tipo chiuso, introverso, che parla poco e a cui si devono letteralmente “strappare” le parole dalla bocca; ipersensibile, rinuncia a vivere, ad esporsi, a mettersi in gioco, per paura di essere ferito c/o deriso.

I rimedi precedenti possono essere assunti alla diluizione 30 CH, 3 granuli insi da 3 a 1 volta alla settimana.

Omotossicologia
• Damiana compositum: 1 fiala 1 o 2 volte alla settimana; per l’astenia sessuale. In caso di carcinoma prostatico ne eviterei la somministrazione specie se protratta, perché ha un’azione regolatoria di tipo anabolizzantc, che in quel caso non mi sembrerebbe particolarmente opportuna.

A questo possono essere aggiunti, a seconda delle caratteristiche:
• Thalamus compositum: 1 fiala 2-3 volte alla settimana; per agire sulla libido maschile e femminile.
• Solarium compositum: 1 fiala 2-3 volte alla settimana; azione sulla componente circo-
latoria.

Floriterapia
L’essenza che spesso viene usata è Larch* fiore di Bach che esprime un senso di inferiorità totale di fondo (spesso presente in queste persone) che può essere anche mascherato da atteggiamenti e comportamenti reattivi esuberanti per coprire appunto l’insicurezza. Dose: 4 gocce per 4 volte al giorno per due mesi della preparazione diluita con la classica metodica.

Seguire e come noi:
follow subscribe - Terapia dell'impotenza / astenia sessuale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *